MARTIN TORNA SUL PODIO, DIGGIA 7º A MONTMELÓ

Continua la serie positiva per il Team Del Conca Gresini Moto3 che anche a Montmeló sale sul podio, conquistando così il settimo in questa stagione. Tocca a Jorge Martin fare gli onori questa volta: lo spagnolo, grazie ad una splendida gara dominata a tratti, chiude in terza posizione a meno di 3 decimi dalla vittoria ritrovando così un gradino del podio che mancava ormai dal 23 aprile scorso quando fu secondo in Texas.

Positiva prestazione anche per Fabio Di Giannantonio che sperava di continuare la striscia positiva iniziata a Le Mans e continuata al Mugello, ma che si deve accontentare di una settimana piazza a causa di un problema all’anteriore che da metà gara in poi non gli ha permesso di attaccare con fiducia le posizioni di testa. L’italiano è ora quarto in classifica generale con 80 punti, 4 in più del suo compagno di squadra

Fausto Gresini, team manager, ha commentato così: “Bellissima gara senza dubbio dove abbiamo trovato un podio meritatissimo, ma che ci lascia anche un po’ di amaro in bocca. Siamo sempre competitivi dal primo giorno e con entrambi i piloti, e qui abbiamo raccolto meno di quanto avremmo potuto. Va bene così”.

3º – JORGE MARTIN #88

“È stata una gara incredibile. Purtroppo ho fatto un errore grossolano in partenza, ma ad ogni modo sono riuscito a recuperare in fretta e rimanere sempre nelle prime quattro posizioni. Speravo di spingere negli ultimi giri per allungare un po’ il gruppo e provare a vincere però l’ultimo settore era il mio punto debole e mi ha passato Mir e poi anche Fenati. Va bene così, era importante tornare al podio e quando arriverà la prima vittoria, sono sicuro che ne arriveranno altre, dobbiamo solo sbloccarci”.

7º – FABIO DI GIANNANTONIO #21

“Sono partito molto forte recuperando 3 o 4 posizioni. All’inizio mi sentivo bene ma sapevo che il calo delle gomme sarebbe arrivato, e noi lo soffriamo particolarmente. Abbiamo questo problema con l’anteriore e a metà gara ho iniziato a prendere un sacco di rischi per rimanere in pista. Provavo a spingere ma senza successo. È stata una delle gare più difficili della mia carriera, e visto così, un settimo posto è abbastanza positivo”.